Toyota fa una nuova scommessa

Toyota ha annunciato un investimento di 394 milioni in Joby Aviation, un’azienda che ha l’obiettivo di realizzare taxi volanti elettrici

Toyota ha annunciato un investimento di 394 milioni in Joby Aviation, un’azienda che ha l’obiettivo di realizzare taxi volanti elettrici ad aria compressa che trasportano le persone sopra le autostrade e strade cittadine. Toyota è l’investitore principale nel finanziamento da $ 590 milioni della serie C di Joby, insieme a Baillie Gifford e Global Oryx e ai precedenti sostenitori Intel Capital, Capricorn Investment Group, JetBlue Technology Ventures, Sparx Group e il suo braccio di investimento, Toyota AI Ventures.

Toyota ha annunciato un investimento di 394 milioni in Joby Aviation, un’azienda che ha l’obiettivo di realizzare taxi volanti elettrici

L’accordo, per ora, rende Joby, la startup eVTOL (decollo e atterraggio verticale elettrica) meglio finanziata in una categoria in forte espansione che deve superare ostacoli normativi significativi e preoccupazioni relative alla sicurezza e al rumore dei passeggeri, portando il denaro totale che ha raccolto a 720 milioni. “Il trasporto aereo è stato un obiettivo a lungo termine per Toyota, e mentre continuiamo il nostro lavoro nel settore automobilistico, questo accordo pone gli occhi al cielo”, ha dichiarato il presidente della casa giapponese Akio Toyoda .

Joby è un player emergente in un campo di compagnie di air-taxi che include Airbus, la casa automobilistica sudcoreana Hyundai, che ha recentemente annunciato piani per progettare e produrre un taxi aereo con Uber Technologies e Kitty Hawk, nato da un’idea del co-fondatore di Alphabet Larry Page, che sta sviluppando un taxi aereo in collaborazione con Boeing. Invece Volocopter, una startup in Germania, è sostenuta da Zhejiang Geely Holding Group, la società cinese proprietaria di Volvo, oltre a possedere quote in Daimler e la casa automobilistica britannica Lotus.

Ti potrebbe interessare: Il SUV Toyota basato su Yaris sarà svelato nella seconda metà del 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube