Toyota richiama altre 1,2 milioni di auto

Toyota ha annunciato che aggiungerà 1,2 milioni di veicoli a un richiamo negli Stati Unti per possibili guasti alla pompa del carburante

Toyota ha annunciato che aggiungerà 1,2 milioni di veicoli a un richiamo negli Stati Unti per possibili guasti alla pompa del carburante. La notizia è stata riferita da ABC News. Ciò porta il numero totale di veicoli coinvolti nel richiamo fino a 1,8 milioni negli Stati Uniti e per un totale di 3,2 milioni di veicoli in tutto il mondo. Il richiamo iniziale, annunciato a gennaio, includeva non meno di 696.000 veicoli negli Stati Uniti dei marchi Toyota e Lexus.

Altre 1,2 milioni di auto si aggiungono ad un richiamo di Toyota in USA

La casa automobilistica giapponese ha inizialmente affermato che alcuni modelli Toyota e Lexus avevano la pompa del carburante che potrebbe smettere di funzionare. La casa nipponica non ha spiegato il motivo per cui la pompa del carburante potrebbe improvvisamente funzionare male, ma ha confermato che, in caso contrario, il motore potrebbe funzionare in modo irregolare, arrestarsi e non essere in grado di essere riavviato. Se il veicolo dovesse fermarsi a velocità più elevate, potrebbe innescare un incidente.

Toyota afferma che i proprietari di veicoli non coinvolti nel richiamo di gennaio verranno informati all’inizio di maggio in merito a quando potranno prendere un appuntamento di servizio. I rivenditori sostituiranno la pompa del carburante difettosa con una nuova. I modelli inclusi nel richiamo sono: Lexus IS 350 2018-2019, LC 500h, LS 500 h, Lexus LS 460 2013-2015, Lexus GS 350 2013-2014, Lexus IS-F 2014 e Toyota FJ Cruiser, Lexus GX 2014-2015 460, IS 350, LX 570, Toyota Land Cruiser e Toyota 4Runner, Lexus NX 200t e RC 350 del 2015, Lexus IS 200t e RC 200t del 2017, Toyota Sienna e Lexus RX 350 del 2017-2019 e Lexus GS 300 del 2018.

Ti potrebbe interessare: Il SUV Toyota basato su Yaris sarà svelato nella seconda metà del 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp