Tragedia in discoteca ad Ancona, gli ultimi aggiornamenti

La tragedia della discoteca Lanterna Azzurra, mette ancora tanti punti interrogativi, ma di chi è realmente la colpa ?

Continuano le indagini sulla morte delle sei persone nella discoteca Lanterna Azzurra. Il panico di venerdì scorso non è facile dimenticarlo, ma le indagini si stanno concentrando più che altro sulla dinamica dell’incidente da una parte e su chi l’abbia causato.

Spray urticante spruzzato tra la folla in attesa di assistere a un concerto di Sfera Ebbasta. Si tratta di confermare ancora se il minorenne che ha spruzzato lo spray urticante sia realmente colpevole della tragedia avvenuta in discoteca.

Leggi anche: Tragedia in discoteca a Corinaldo: trovata bomboletta spray

Tragedia alla Lanterna Azzurra

Venerdi scorso, nel locale Lanterna Azzurra Clubbing di Madonna del Piano, nella campagna presso Corinaldo, tantissimi adolescenti erano aspettavano di partecipare a un concerto con il trapper Sfera Ebbasta. I giovani ad un certo punto, hanno dovuto subire il forte odore dello spray urticante, e subito dopo si sono precipitati ad uscire fuori dal locale, ma in breve tempo tutto si è trasformato in una tragedia.

Non si tratta solo di 6 morti, nella tragedia sono rimaste ferite circa 60 persone, di cui 7 sono in condizioni molto critiche, infatti sono state trasportate di urgenza negli ospedali della zona. Non si conoscono ancora bene le condizioni di salute delle vittime, ma senza dubbio, la prognosi è ancora riservata, i feriti sono tuttora in coma farmacologico, e si aspetta che le loro condizioni di salute cambia.

È stato scoperto che per il concerto sono state venduti più biglietti rispetto alla capienza del locale, cioè di 870 persone.

Chi è colpevole della tragedia?

Secondo ANSA, un giovane ragazzo 15 enne è stato fermato e indagato, sulla base delle testimonianze raccolte da alcuni persone presenti al momento della tragedia nella discoteca Lanterna Azzurra. Finora, il ragazzo sarebbe stato la causa principale della tragedia, il suo gesto folle di spruzzare lo spray urticante contra la folle ha prodotto panico e di conseguenza la tragedia.

Viene specificato inoltre che “quella dello spray non è l’unica pista da seguire”. Secondo alcune testimonianze che riferiscono di aver sentito un denso, ci mette la pulce nell’orecchio e non viene esclusa l’ipotesi che nella maledetta sera oltre allo spray urticante, quello che ha messo panico sono anche le macchine per fare il fumo bianco utilizzate di frequente ai concerti.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.