TFR – Trattamento di fine rapporto: tutte le news da sapere

Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) per dipendenti pubblici è una somma di denaro corrisposta al lavoratore nel momento in cui termina il rapporto di lavoro.

Cos’è il Trattamento di fine rapporto? Il Trattamento di Fine Rapporto, anche chiamato TFR per dipendenti pubblici si tratta, nel concreto, di una somma di denaro corrisposta al lavoratore nel momento in cui termina il rapporto di lavoro.L’importo dipende dall’accantonamento, per ogni anno di servizio o frazione di anno, di una quota pari al 6,91% della retribuzione annua e dalle relative rivalutazioni. Nel caso in trattassimo la frazione di anno, la quota è ridotta in maniera proporzionale e si calcola come mese intero la frazione di mese uguale o superiore a 15 giorni. La liquidazione è corrisposta d’ufficio, questo ci fa capire che il lavoratore non deve fare alcuna domanda per ottenere la prestazione, ma gli spetta automaticamente.

Il trattamento di fine rapporto ed i suoi tempiTrattamento di fine rapporto: tutte le news da sapere

Dal 1° gennaio 2014 il TFR sarà pagato a rate:

• la prima rata del TFR per importi fino a 50mila euro;
• la seconda rata per importi eccedenti i 50 mila euro e fino a 100mila euro;
• la terza rata per gli importi eccedenti i 100 mila euro.

In base alle ultime disposizioni normative, l’erogazione avviene con le seguenti tempistiche:

• entro 105 giorni in caso di cessazione dal servizio per inabilità o per decesso;
• non prima di un anno, se la cessazione del contratto a tempo indeterminato avviene per pensionamento e raggiungimento dei requisiti di servizio o per età;
• non prima di due anni, se la cessazione avviene per dimissioni volontarie con o senza diritto a pensione, licenziamento o destituzione dall’impiego.

Inoltre, l’Inps, con messaggio n. 3224 del 30 agosto 2018, ha fornito dei chiarimenti in merito alla voce “elemento perequativo”, previsto nel CCNL 2016-2018 e introdotto per sostenere l’aumento stipendiale sino al 31 dicembre 2018.
Si conferma che l’elemento perequativo non concorre alla determinazione della prestazione né ai fini del TFS (Indennità di buonuscita e Indennità premio di servizio) né ai fini del TFR

La Monetizzazione

Per tutti i docenti assunti a tempo determinato con contratto al 30 giugno il diritto alla monetizzazione delle ferie, il cui calcolo avviene sottraendo ai giorni di ferie spettanti quelli di sospensione delle lezioni compresi nel periodo contrattuale. In questo casa precisiamo che si fa riferimento ai giorni di sospensione lezioni in cui il docente può usufruire delle ferie, indipendentemente dal fatto che ne abbia fatto richiesta o meno. La differenza tra giorni di ferie spettanti e giorni di sospensione lezioni viene monetizzato.

Disoccupazione Naspi e l’indennità

Anche i supplenti e i docenti precari hanno diritto alla Naspi, in particolare a coloro i quali è scaduto il contratto il 30 giugno, possono presentare domanda a partire dal 1° luglio. Per richiedere l’indennità, è necessario:

• presentare domanda entro 68 giorni dalla scadenza del contratto;
• dare disponibilità all’INPS per lavorare;
• presentarsi al Centro per l’Impiego dove verrà sottoscritto il Patto di Servizio personalizzato.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.