Duplice omicidio per una coppia di pensionati massacrati a colpi di spranga

Un duplice omicidio in provincia di Treviso. Sono stati rinvenuti dalla figlia i corpi dei genitori massacrati da ignoti. Esclusa la pista dell’omicidio suicidio. Le indagini sono al vaglio degli inquirenti.

Un duplice omicidio commesso con accanimento e ferocia. Le vittime una coppia di anziani massacrati a colpi di spranga e con l’uso di una lama. Troncati, forse lasciati agonizzanti nel giardino dietro la propria abitazione, nell’area di campagna a Cison di Valmarino, nella provincia di Treviso. Loris Nicolasi 72enne pensionato, e Anna Maria Niola 69enne casalinga, risultano essere (forse) l’ennesime vittime di una rapina finita male.

Morti senza un perché apparente, una coppia normale dove non si evincono particolari problemi di natura economica, condividevano la casa insieme alla figlia 45enne, un’abitazione agricola sita nella frazione di Rolle.

Chi ha scoperto il duplice omicidio?

La figlia, il mattino aveva salutato i propri genitori allontanandosi dall’abitazione per recarsi al lavoro, rientrando intorno alle 14.30. In un primo momento, non si è resa conto dell’accaduto, in quanto tutto appariva regolarmente in ordine, nulla di apparentemente insolito. Poi, la macabra scoperta dei corpi massacrati dei genitori sul retro dell’abitazione. Prima ha rinvenuto il corpo esanime del padre ricoperto di lesioni. Successivamente, in un lato distante ha ritrovato quello della madre. La posizione in cui sono stati ritrovati i corpi dei genitori, fa pensare a un tentativo di sfuggire all’imminente aggressione.

Le indagini sul duplice omicidio

Secondo quanto si apprende dalla “Repubblica”, non sarebbe ancora stata stabilita con certezza l’ora del massacro. Al momento gli inquirenti, stanno indagando per capire esattamente se dall’abitazione mancano degli oggetti o somme di denaro, oppure quant’altro abbia potuto scatenare l’efferato omicidio.

Sembrerebbe, dalle prime indiscrezione trapelate dal caso, che non si tratterebbe di omicidio suicidio. Pare, infatti, che tale pista sia stata completamente esclusa dai carabinieri di Treviso e Vittorio Veneto, che seguono attivamente le indagini. Infatti, le lesioni ritrovate sul corpo dei coniugi sarebbero incompatibili con un omicidio suicidio. L’uomo è stato ritrovato con svariate lesioni presenti sul capo e il collo, provocate forse da un corpo contundente, tipo una spranga, mentre sul corpo della donna sono stati ritrovati segni compatibili con un’arma da taglio.

La ricostruzione del duplice omicidio presenta dei lati oscuri

L’attenzione degli inquirenti si concentra anche sull’abbigliamento rinvenuto sul corpo dei coniugi al momento del ritrovamento. Infatti, la donna è stata ritrovata con degli indumenti invernali, presumibilmente si pensa che forse era già presente sul retro della casa. L’uomo, invece, indossava degli indumenti non adatti all’esterno, del tipo leggeri, come se nel momento esatto dell’agguato si trovasse all’interno dell’abitazione. Un particolare molto rilevante, considerato che a Cison le condizioni climatiche erano durante il giorno particolarmente aspre con neve e freddo.

Nessuna pista chiara sul duplice omicidio

La figlia, quando ha rinvenuto i corpi dei genitori ha allertato gli operatori del 118, che intervenuti sul posto hanno immediatamente riscontrato i segni di una morte violenta. Prontamente, gli operatori hanno allertato le autorità competenti. Sul posto è arrivato il medico legale e il pm della Procura di Treviso. Gli inquirenti stanno lavorando per stabilire le cause del duplice omicidio.

Leggi anche:

Jessica Valentina Faoro, La Vittima Del Tranviere 39enne: “Ha Tentato Di Reagire”

Pamela Mastropietro, Il Penalista Michele Andreano: “Il Nigeriano Potrebbe Essere Scarcerato Molto Presto”


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein