Trovare lavoro con il reddito di cittadinanza: come diventare navigator

Quanto e come saranno assunti e pagati i navigator che aiuteranno i beneficiari del reddito di cittadinanza a trovare lavoro?

Trovare lavoro con il reddito di cittadinanza: i beneficiari del sussidio avranno a disposizione tre offerte di lavoro presso i centri per l’impiego. Ma i primi a trovare lavoro grazie alla nuova misura saranno i navigator. Se ne è parlato molto, non senza critiche: ma chi sono i navigator, come si diventa tutor (quali sono i requisiti), come saranno assunti e quanto guadagneranno? Ecco tutto ciò che bisognerebbe sapere.

Navigator: cercano lavoro (per gli altri) ma sono precari?

La vexata quaestio per i navigator riguarda l’inquadramento contrattuale. Sappiamo che la funzione dei tutor sarà quella di collocare sul lavoro i beneficiari del reddito di cittadinanza. Ma appare un controsenso che possano essere loro i primi precari. E infatti Di Maio ha più volte chiarito che saranno assunte da subito 10 mila risorse ribadendo “l’impegno di stabilizzarli con un contratto che riguarda la collaborazione con l’Agenzia nazionale per le politiche attive per il lavoro”. Pasquale Tridico, consigliere del vicepresidente del consiglio Luigi di Maio, ha confermato la volontà di assunzione stabile navigator spiegando che si partirà con un contratto di collaborazione per i primi due anni, solo per avere il tempo di allinearsi con il debutto imminente della misura. E per il 2019 si è già scesi da 10 a 6 mila risorse.

Il Regolamento di Anpal servizi per il conferimento degli incarichi di collaborazione conferma che la modalità di selezione prevede, in ordine:
– avviso di selezione;
– nomina di una Commissione interna;
– candidatura attraverso il sito della società;
– preselezione con valutazione dei documenti effettuata dalla stessa Commissione;
– colloquio finale vertente sulle materie elencate nell’avviso, sull’approfondimento delle conoscenze e sulle capacità dichiarate nel curriculum nonché sulla motivazione personale.

Come diventare navigator: requisiti e formazione

Chi può candidarsi a diventare navigator: quali sono i requisiti e i titoli richiesti? Inizialmente si parlava di un concorso per i navigator ma, sempre per una questione di tempi, è saltato. Chi vuole lavorare come navigator può mandare il curriculum e, se il profilo sarà ritenuto idoneo, sarà chiamato per un colloquio individuale.

Il Regolamento di Anpal servizi prevede tre livelli di inquadramento:
– una per figura di «addetto», per cui si richiede solo la maturità e un’«esperienza minima»;
– una per «professional», che prevede la laurea e una «anzianità professionale di almeno 4 anni»;
– una per «esperto» con requisiti laurea e «anzianità professionale di 7 anni».
La linea dominante è quella di considerare il navigator quantomeno un «professional».

Navigator: cosa fa e quanto guadagna

Oltre a selezionare e proporre offerte di lavoro congrue al profilo della persona che segue, il navigator dovrà stilare una scheda su ciascun beneficiario del sussidio, che servirà al ministero del Lavoro a capire “se l’individuo in questione sta rispettando gli impegni oppure no”. Uno dei principali sforzi del governo infatti dovrà essere quello di combattere abusi e parassitismo.
Mancano pochi giorni al debutto operativo del reddito di cittadinanza e non ci sono ancora cifre esatte su quanto guadagnerà il navigator, cosa che si chiedono in molti. Le uniche indicazioni fornite da Di Maio prevedono una componente fissa di stipendio più bonus legati alle assunzioni dei beneficiari del RdC affidatigli.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube