Truffa coronavirus: attenzione ai falsi operatori che vogliono entrare in casa

Attenzione ai falsi volontari che vogliono introdursi in casa con la scusa di effettuare il tampone orale: sono truffatori.

Sono state fino ad ora diverse le segnalazioni da parte dei cittadini di persone con divisa che si qualificano come volontari per introdursi in casa con la scusa di dover effettuare un tampone orale. Si tratta di una truffa da parte di coloro, che anche in presenza di un’emergenza come quella rappresentata dal coronavirus, vogliono cercare di truffare e rapinare onesti cittadini ignari.

La truffa del coronavirus

Sono in divisa, si spacciano per volontari inviati ad effettuare il tampone orale porta a porta per rilevare la presenza del CODIV.19.

Ma le associazioni che operano sul territorio interessato dal contagio affermano che non viene effettuata attività porta a porta per effettuare il tampone orale. Si raccomanda, quindi, di non aprire e non far entrare questi sedicenti volontari di chissà quale associazione in casa propria.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.