Truffa dei Diamanti: vittime anche piccoli risparmiatori, ecco le storie

Continua l’epopea della truffa dei diamanti che ha coinvolto anche piccoli risparmiatori: ecco alcune storie.

Non solo grandi investitori vittime della truffa dei diamanti su cui sta indagando la Procura di Milano. Circa 2mila persone, infatti, si dono rivolte all’associazione di difesa dei consumatori Aduc che si sta occupando della loro difesa.

I Pm milanesi ritengono che i diamanti in questione venissero venduti a prezzi gonfiati rispetto al reale valore con false quotazioni. Al momento è stato eseguito un sequestro preventivo da oltre 700 milioni di euro a carico delle due società Intermarket Diamond Business spa (Idb, nel frattempo dichiarata fallita) e Diamond Private Investment spa (Dpi) e di 5 banche indagate Banco Bpm e la propria controllata Banca Aletti, Unicredit, Intesa Sanpaolo e Mps.

Investimenti in diamanti: le storie

Non si tratta, come abbiamo anticipata, di grandi investitori che hanno perso parte del loro capitale, ma di pensionati, famiglie e risparmiatori che, credendo nelle indicazioni degli istituti di credito hanno scelto di investire in diamanti piuttosto che in piani di accumulo o altri tipi di investimenti.

Gli investimenti in diamanti sono stati proposti, così come raccontano i malcapitati, con”enfasi” da bancari entrati in confidenza con loro facendo leva, in alcuni casi, anche sull’esenzione fiscale di cui beneficiavano i diamanti (oltre che sul fatto che il bene, essendo conservato dalla banca stessa, potesse essere rubato).

Il consiglio, molto spesso, era quello di concentrare l’investimento su pochi pezzi poichè avendo più carati la pietra avrebbe acquistato maggior valore.

Tutte queste persone, che hanno investito capitali per loro ingenti si sono ritrovate con proposte di risarcimento del 35% /45% del capitale investito: invece di un bene rifugio, queste persone sono incappate in una truffa con rendimenti inizialmente gonfiati  che poi, con il tempo sono scesi a dismisura.

Attraverso l’Aduc queste persone stanno cercando non solo di recuperare quanto investito ma anche quanto era stato prospettato nei documenti al momento dell’acquisto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.