Tumore al seno: nuove speranze di cura dagli antibiotici, ecco di cosa si tratta

Tumore al seno, ecco la nuova scoperta che potrebbe dare una speranze a chi è stato colpito da questo tipo di tumore

Grazie ad una ricerca ‘’anglo-pisana’’, ci sono nuove speranze per quanto riguarda il tumore al seno. È stato scoperto che potrebbero essere speranze di cura dagli antibiotici, ma vediamo insieme di cosa si tratta.

Tumore al seno, nuovo studio

Gli specialisti sostengono che la doxiciclina riduce notevolmente le cellule staminali neoplastiche. In poche parole, la doxiciclina, che è un antibiotico appartenente alla classe delle tetracicline, viene usato come cura dell’acne volgare. Di recente è stato pubblicato sulla rivista internazionale Frontiers in Oncology, ma questo sarebbe anche un modo di dare nuove speranze ai pazienti affetti di tumore al seno. Si è studiato il possibile utilizzo degli antibiotici nella cura del tumore al seno.

Leggi anche: I giovani pazienti con carcinoma mammario con geni BRCA difettosi hanno le stesse possibilità di sopravvivenza di quelli senza.

Bisogna sapere che gli antibiotici, oltre a distruggere i batteri, hanno anche un effetto devastante sui mitocondri. I mitocondri sono piccolissimi organuli all’interno delle cellule, hanno una lunghezza che varia tra 2 e 5 micrometri. Le loro dimensioni, sono molto simili ai batteri, la forma dei mitocondri è ovale o tubulare e vengono avvolte da una membrana esterna e una interna.

tumore al senoIl recente studio, condotto dal team di ricerca di Antonio Giuseppe Naccarato, direttore della sezione dipartimentale di Anatomia patologica 1 dell’Aoup, insieme al medico Cristian Scatena, anatomopatologo e allievo della Scuola di dottorato in Scienze cliniche etraslazionali dell’Università di Pisa, in collaborazione con i ricercatori dell’University of Salford di Manchester, in Inghilterra, e in collaborazione con il Centro Senologico dell’Aoup e la Fondazione di pisa per la scienza onlus.

Leggi anche: Protesi mammarie: rischio tumore, fate attenzione!Allo studio hanno partecipato 15 donne affette da carcinoma della mammella in stadio precoce. È stato dimostrato che dopo 2 settimane di trattamento antibiotico, si è notata una notevole diminuzione del numero di cellule staminali neoplastiche.

In poche parole, i ricercatori dell’University of Salford, condotti dal professor Michael P. Lisanti, hanno iniziato a progettare da molto tempo prima, l’effetto in modelli tumorali ‘in vitro’ riconoscendo come l’antibiotico doxiciclina. Questo antibiotico si dimostra essere in grado di uccidere le cellule staminali neoplastiche in ben 8 tipi di cancro, incluso quello mammario.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.