Ultimi sondaggi politici elettorali: il PD avvicina la Lega. Gli italiani sul Coronavirus

Nei sondaggi elettorali Ixè del 10 marzo 2020, spicca il recupero del Partito Democratico sulla Lega, mentre La Sinistra stacca Italia viva. Più la metà degli italiani crede ci sia una sottovalutazione del pericolo Coronavirus.

Nel corso della trasmissione #cartabianca andata in onda martedì 10 marzo 2020 su Rai 3, sono state rese note le intenzioni di voto dell’istituto Ixè ai partiti politici che hanno segnalato una riduzione del gap tra Lega e Partito Democratico, mentre Italia Viva affonda e vede La Sinistra salire. Scopriremo anche il parere degli italiani sull’emergenza Coronavirus.

Sondaggi elettorali Ixè 10 marzo 2020: Lega in calo, sale il PD che allontana M5S e FDI

In quasi 2 mesi la Lega ha perso 2 punti percentuali, attestandosi al 27,0%, due decimi in meno rispetto alla scorsa settimana. Sempre in 2 mesi, il PD ha registrato un rialzo di 2 punti e mezzo, lo 0,5% in più rispetto a 7 giorni fa. Un gap che continua a diminuire e si riduce ad oggi al 4,5%. Flette dello 0,1% il Movimento 5 Stelle che scende al 15,6%, stabile Fratelli d’Italia al 13,4%. Perde lo 0,1% Forza Italia che si attesta al 6,1%. Rispetto ai sondaggi Ixè del 14 gennaio, il M5S ha registrato un calo di 3 decimi, ne ha persi 9 Forza Italia, mentre FDI ha guadagnato il 2,5%.

Scende ancora Italia Viva, sale La Sinistra

Dando uno sguardo alle intenzioni di voto Ixè del 10 marzo 2020 relative alle forze politiche minori, La Sinistra è indicata al 3,3% con un balzo di mezzo punto percentuale, mentre Italia Viva perde ancora, cede lo 0,2% e scende al 2,6%. La situazione era ben diversa a metà gennaio, quando il partito di Renzi era quotato al 4,2%, ma anche La Sinistra registrava 3 decimi di consenso in più. Stabile +Europa al 2,3%, in calo dello 0,3% Europa Verde che crolla all’1,9%, affonda Azione di Calenda all’1,1% (-0,4%), Cambiamo! di Toti all’1,0% è in rialzo di 1 decimo. Il partito indecisi/astenuti vale il 38,1%.

Gli italiani si esprimono sul tema dominante Coronavirus

Rispetto alla preoccupazione sul Coronavirus, il 57% degli italiani sostiene di essere moderatamente preoccupato, il 33% asserisce di esserlo seriamente, solo il 7% si dice poco preoccupato, appena il 2% sembra non esserlo per niente. L’1% non risponde. Ixè ha chiesto agli intervistati quale pensiero prevale rispetto al Coronavirus, il 55% sostiene che si stia sottovalutando il pericolo, il 26% afferma che ci sia la giusta percezione, il 15% crede in un allarmismo eccessivo, il 4% non sa. Infine, sul nuovo decreto del governo, le nuove restrizioni sono giuste per l’89% degli italiani, contrari il 6%, il 5% non si esprime.

E’ giusto sottolineare che l’ultimo decreto è stato comunicato la sera dell’11 marzo 2020, che prevede restrizioni ancora maggiori, praticamente in tutta Italia restano aperti i servizi essenziali e per le attività commerciali, solo supermercati e farmacie. Motivo per cui, nel sondaggio Ixè, gli italiani si sono espressi sul decreto precedente.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp