Unicredit: tassa BCE sui depositi, colpiti i cc sopra i 100mila euro

La decisione dell’Unicredit di tassare i depositi oltre i 100mila euro.

Un annuncio che ha fatto discutere quello del nuovo presidente della Ebf di recuperare i tassi negativi della BCE dai clienti più ricchi. Detto fatto Unicredit mette in pratica ed annuncia che da gennaio 2020 girerà i tassi di interesse negativi applicati dalla BCE sui clienti con depositi oltre i 100mila euro.

Si lavora per mettere in pratica tali misure e renderle operative a partire da gennaio 2020. I depositi inferiori a 100mila euro  saranno esclusi dalla misura.

Jean Pierre Mustier afferma che “Bisogna proteggere tutti i clienti delle banche più vulnerabili, che sono coperti dal fondo di garanzia dei depositi e poi caso per caso si può considerare di passare i tassi negativi alle grandi imprese o a certi grandi clienti offrendo un certo numero di alternative” e che “offriremo ai clienti soluzioni alternative ai depositi come ad esempio investimenti in fondi di mercato monetario senza commissioni e obiettivi di performance in territorio positivo” lo scopo è quello di offrire “obiettivi di rendimento vicini allo zero piuttosto che avere dei tassi di deposito negativi. È un’alternativa perfettamente accettabile”.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.