Università di Helsinki: più di 3 settimane di vacanze sono l’ideale per la nostra salute

Secondo degli studi condotti dall’Università di Helsinki, in Finlandia fare più di 3 settimane di vacanze sarebbe l’ideale per la nostra salute. I risultati sono venuti fuori principalmente da un’analisi statistica eseguita su circa 1200 uomini d’affari. Gli studiosi, guidati dal professor Timo Strandberg, si sono basati su dei dati tratti da uno studio risalente […]

Secondo degli studi condotti dall’Università di Helsinki, in Finlandia fare più di 3 settimane di vacanze sarebbe l’ideale per la nostra salute. I risultati sono venuti fuori principalmente da un’analisi statistica eseguita su circa 1200 uomini d’affari. Gli studiosi, guidati dal professor Timo Strandberg, si sono basati su dei dati tratti da uno studio risalente al 1974 circa.

Lo studio del 1974-75

Lo studio menzionato prevedeva che i soggetti fossero nati tra il 1919 e il 1934. Tutti gli individui erano affetti da una causa che portasse a malattie cardiovascolari. I 1200 uomini sono stati divisi in due gruppi: uno di controllo da 610 persone e uno di intervento da 612. Il gruppo di intervento è stato seguito cosicché gli individui potessero seguire uno stile di vita sano ed equilibrato, eliminando quindi tutto ciò che avrebbe portato a rischi cardiovascolari. Quando il cambiamento di stile di vita non funzionava, allora i soggetti del gruppo di controllo venivano sottoposti ad una cura di farmaci in grado di abbassare la pressione sanguigna, i lipidi e via dicendo.

Il follow-up

Dopo l’esperimento il rischio di malattia cardiovascolare si è ridotto del 46% negli uomini del gruppo intervento. Però, eseguendo un follow-up a 15 anni di distanza, si è notato che il tasso di mortalità era più alto negli individui del gruppo di intervento che in quello di controllo. Allora, gli scienziati hanno eseguito un ulteriore follow-up a 40 anni di distanza rispetto allo studio del 1974-75. Inoltre, in questo caso gli studiosi hanno tenuto conto di fattori come le ore di sonno, di lavoro e di ferie. In tale modo, essi hanno potuto osservare che i soggetti del gruppo di intervento avevano trascorso 3 settimane o meno in vacanza. Ciò determinava una più alta probabilità di morte rispetto agli uomini del gruppo di controllo. Questo, però, è stato osservato nei dati risalenti al follow-up del 1974-2004. Tra il 2004 e il 2014, invece, non si sono presentate differenze nella mortalità.

Quindi, possiamo dedurre che fattori come lo stress o poche ore di sonno possono influenzare sulla nostra salute, in questo caso, in modo negativo. Al contrario, invece, un adeguato numero di ore di sonno, più di tre settimane di vacanze e la giusta assunzione di farmaci possono garantirci una vita equilibrata e salutare.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Rita Cavallaro

Ciao! Mi chiamo Rita e sono un'appassionata di cinema, arte, musica, libri, fotografia, danza e di tutto ciò che mi permette di esprimermi e di farmi stare bene. Mi piace scrivere e viaggiare. Adoro il vintage e mi piacerebbe essere vissuta negli anni 70'-80'!
Follow Me: