Uomini in crisi: non più solo barba e capelli

Gli uomini dedicano molto del loro tempo a “farsi belli” e ad andare in palestra, ecco alcuni consigli per un nuovo look

L’uomo è sempre più attento all’immagine e al suo aspetto e spesso lo fa senza cognizione di causa, senza conoscere le armi e gli alleati di bellezza di cui le donne ne sono delle esperte. Per questo motivo gli uomini dedicano molto del loro tempo a “farsi belli” e ad andare in palestra, facendo molta attenzione anche all’alimentazione, e forse sono diventati anche più attenti delle donne. Vediamo quali consigli possiamo dare agli uomini che sono attenti a loro stessi.

I consigli che si possono dare agli uomini in crisi del loro look

Beauty routine: gli uomini non si faranno vedere mai con la maschera sul viso e le fette di cetriolo sugli occhi, ma non per questo non dovete rinunciare ad avere una pelle sana e senza imperfezioni. Per una faccia da selfie, occorre una buona idratazione; utilizzare una crema nutriente o un balsamo dopobarba lenitivo e idratante può essere un ottimo aiuto.

La barba: c’è chi si rade tutti i giorni e invece chi ama portare la barba lunga, ma le tendenze ultimamente sono chiare; addio al look troppo hipster, qualunque sia la lunghezza sappiate che le barbe ispide non piacciono alle donne, di conseguenza, utilizzate un balsamo specifico da applicare quotidianamente.

La chioma: gli uomini perdono lo stesso tempo delle donne per aggiustarsi i capelli, lunghi o corti che siano. Vi conviene indirizzare al meglio le vostre scelte, ad esempio, per i lavaggi frequenti bisogna usare i prodotti a basi lavati delicati, magari senza solfati né siliconi. Per chi è soggetto alla forfora non deve usare prodotti aggressivi a meno che non abbiate i capelli lunghi, potete anche fare a meno del balsamo. Per il taglio, quello principe del momento è il falso carré sfilato e destrutturato. Si ai capelli corti che però non rinuncia alla lunghezza del ciuffo. Il brizzolato è ok solo su chiome corte e ordinate.

L’obesità è causa di infertilità nell’uomo, lo studio che lo dimostra


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube