Uomini più ricchi delle donne: la differenza di genere crea un divario del 25%

Anche se in calo, la differenza di ricchezza tra uomini e donne ancora esiste e crea un divario del 25%.

Anche se la differenza di genere è in calo resta un divario tra la ricchezza tra uomini e donnein Italia e gli uomini continuano ad essere più ricchi delle donne.

Lo studio, effettuato da Giovanni D’Alessio, del servizio studi Banca Italia, gli uomini hanno una ricchezza individuale superiore del 25% rispetto a quella delle donne. Se si tiene sonto solo degli attivi finanziari la ricchezza sale al 35%, se si tiene conto degli immobili, invece, scende al 15%.  Il diviario, invece si allarga fra i componenti di una coppia: è ridotto in età giovanile ma cresce dopo i 40 anni.

Per l’autore dello studio “gli indici di concentrazione della ricchezza netta individuale sono ampiamente maggiori di quelli calcolati sulla ricchezza familiare o sulla ricchezza pro-capite, che ripartisce equamente la ricchezza tra i membri della famiglia. Il trend nei livelli di concentrazione, tuttavia, non si modifica in modo rilevante”.

Le cause dei divari, viene sottolineato nello studio, vanno ancora ricercate ma i fattori spingono a pensare che “si debbano annoverare in larga parte alle differenze tra i generi in termini di età, titolo di studio, occupazione e reddito”. La riduzione dei divari, quindi, in termini di impiego, reddito ed educazione tra uomo e donna dovrebbe portare, infine, anche ad un calo della ricchezza e, forse ad una eliminazione della differenza della ricchezza tra i due generi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.