In pensione a 29 anni, con 14 anni e 6 mesi di contributi versati

Una baby pensione da record: lascia il lavoro a 29 anni con soli 14 anni e mezzo di contributi.

Sembra incredibile ma è una storia vera riportata dal Corriere del Veneto: una ex collaboratrice scolastica della provincia di Udine è andata in pensione a soli 29 anni, con 14 anni e sei mesi di contributi versati.

Una baby pensionata da record che oggi ha 64 anni  e che grazie al decretoRumor del 1973 i contributi versati per 14 anni e sei mesi le sono bastati per lasciare il mondo del lavoro ed accedere alla pensione. In questi 35 anni avrebbe percepito di pensione circa 200mila euro e nel suo piccolo paese non tutti sono contenti per la sua buona sorte e i commenti maligni sul suo conto non si fanno certo attendere.

Quando andò in pensione tutti gridarono allo scandalo ma lei rivendicò il suo assegno previdenziale e si è goduta la pensione. Ovviamente la signora in questione non è l’unica ad aver percepito una baby pensione da così tanto tempo, sono stati circa 500mila i lavoratori che hanno lasciato il mondo del lavoro prima dei 50 anni grazie a questo decreto. Questi assegni pensionistici pesano sulle casse dello Stato circa lo 0,4% del Pil.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.