Vaccini anti influenzali: perchè il personale medico non si vaccina

Vaccini effettuati ai pazienti, ma i medici?

È già partita la campagna vaccinale contro l’influenza, con l’arrivo della stagione fredda, si cerca di combattere l’epidemia stagionale di influenza. Gli esperti sostengono che quest’anno, la stagione influenzale sarà diversa rispetto l’anno scorso, ed è prevista una densità media di persone colpite dal brutto virus. Ma ci sono cose che non quadrano, perché succedono delle cose che non hanno assolutamente logica.

Vaccini: ecco come si comportano i medici

I medici, infermieri e operatori socio sanitari, dovrebbero cercare di effettuare il vaccino antinfluenzale a più persone, ma soprattutto a tutti quelli soggetti a rischio, invece succede una cosa molto strana.

Leggi anche: Influenza: vaccino ad alte dosi è più efficace per i pazienti in dialisi

In poche parole, sembra che le dosi di vaccino venivano somministrate ai pazienti ma non a sé stessi.

Vaccini: ma i medici?Si viene a comunicare che a fronte di un comparto sanitario di circa 30 mila unità, nella stagione influenzale 2017-2018 si sono vaccinate solo 5.797, questo significa l’23%. Scavando ancora di più nel profondo, escono fuori cose ancora più anomale, nella stagione 2016-2017 di circa 5.210 unità solo il 20,67% si sono vaccinate, nella stagione influenzale 2015-2016, di circa 4.458 unità solo il 17,69% si sono vaccinate. Andando indietro ancora, nella stagione influenzale 2014-2015, di circa 5.582 unità  solo il 22,15% si sono vaccinati.

Leggi anche: Allarme influenza: 67mila vittime nell’ultima settimana

L’Ordine dei medici dichiara: ‘’Da parte dei medici non c’è mai stata una grande adesione’’. In seguito, Guido Giustetto, il presidente, aggiunge: ‘’ Uno scetticismo ingiustificabile, data l’importanza del vaccino associato alle altre misure preventive, di cui si parla poco: per esempio, lavarsi bene e frequentemente le mani. Farsi vaccinare è innanzitutto un atto di responsabilità verso i pazienti’’.

Praticamente si scatena un’infinità polemica perché è inimmaginabile pensare che un medico no vax entri a svolgere servizio a contatto con pazienti vaccinati. Lo stesso discorso viene fatto anche per quanto riguarda le altre categorie che per il lavoro che svolgono sono a contatto diretto con la gente.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.