Vaccini e tumori: c’è davvero una correlazione tra le due cose?

La nostra quotidianità è pervasa da fake news ed è difficile estrapolare la verità. Molte di queste riguardano la correlazione tra vaccini e tumori.

C’è davvero una correlazione tra i vaccini e l’insorgere dei tumori? Le novità al riguardo giungono dagli Stati Uniti a seguito di uno studio della FDA.

Vaccini, pericolo tumore?

La nostra quotidianità è pervasa da un flusso continuo di fake news e spesso è difficile estrapolarne la verità. Molte di queste riguardano la correlazione tra vaccini e tumori, argomento molto delicato che abbiamo trattato molto nei nostri articoli.

Le discussioni tra i sostenitori pro e i sostenitori contro le vaccinazioni vanno avanti ormai da un bel po’, ma ci sono davvero delle prove a favore delle loro opinioni?

Di recente, direttamente dagli Stati Uniti, sono giunte delle notizie riguardanti l’argomento. Secondo una ricerca condotta dalla FDA (Food and Drug Administration), i vaccini sarebbero capaci di causare i tumori. Ma come ciò è possibile?

Lo studio della FDAVaccini e tumori: c'è davvero una correlazione tra le due cose?

A seguito di una ricerca approfondita, l’ente governativo statunitense, che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha rivelato dei risultati alquanto sconcertanti.

A quanto pare, infatti, le linee cellulari utilizzate nella produzione dei vaccini conterrebbero dei virus cancerogeni in grado di formare dei tumori. Ciò sarebbe stato constatato da un esperimento effettuato in laboratorio sui roditori, che, a seguito dell’iniezione, avrebbero sviluppato un tumore. Nel comunicato diffuso dalla FDA , inoltre, è specificato che tali virus cancerogeni sono difficili da rilevare, in quanto latenti o “silenziosi”.

La soluzione della FDAVaccini e tumori: c'è davvero una correlazione tra le due cose?

La FDA, però, non si limita a sostenere che esiste una relazione tra vaccino e tumori, ma si impegna affinché si possa trovare una soluzione. Molti sostengono che non sia possibile prendere in considerazione un esperimento effettuato sui roditori, poiché i vaccini agiscono differentemente su di loro. L’ente statunitense, però, continua la sua ricerca.

L’obiettivo, infatti, è quello di rendere le vaccinazioni più sicure e ciò sarà possibile grazie all’introduzione di metodi accertati e sperimentati, che permetteranno agli scienziati di determinare se il substrato cellulare specifico potrà essere utilizzato per la produzione dei vaccini.

I metodi che la FDA sta sviluppando e testando in laboratorio aiuteranno a garantire la produzione di vaccini sicuri ed efficaci nei seguenti modi:

  1. sviluppo di linee guida per i produttori che usano nuovi substrati cellulari per i vaccini;
  2. diffusione di nuovi metodi tramite riviste scientifiche peer-reviewed, rendendoli così facilmente accessibili alla comunità scientifica,  che potrà valutare la ricerca e segnalarne gli eventuali errori, e ai produttori.

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 20 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.