Vaccino per Coronavirus: in Cina pronto, già prodotto in larga scala

Probabile svolta in Cina sul vaccino per il Coronavirus: c’è un laboratorio privato che sembrerebbe aver trovato la strada giusta per produrne 100 milioni l’anno.

Forse siamo vicini ad una svolta, anche se la notizia arriva dalla Cina e per questo bisogna andare cauti. In un laboratorio di Pechino sembrerebbe pronto un vaccino per il Coronavirus, preparato in uno dei quattro laboratori cinese autorizzati: vediamo come stanno le cose.

In Cina sembrerebbe già pronto un vaccino per il Coronavirus

In Cina sono stati attrezzati quattro laboratori esclusivamente interessati a studi clinici per trovare un vaccino per il Coronavirus ed in uno di questi sembrerebbe possibile aver fatto una scoperta davvero interessante.

Diciamo che gli studi sono ancora in fase di lavorazione, ma i risultati sembrerebbero ottimi e darebbero delle buone speranze, bisogna fare ancora l’ultimo passo per dimostrarsi efficace. Questo gruppo privato sembrerebbe in grado di produrne 100 milioni di dosi all’anno.

In questo studio si controlla la qualità del vaccino, per ora sperimentale, che è basato su agenti patogeni inerti; per ora è chiamato “Coronavac”. L’omologazione è ancora lontana, ma è un buon inizio, il produttore deve dare dimostrazione di poterlo produrre in larga scala.

Ci sono vari laboratori che hanno iniziato gli studi sugli umani, che possono dare delle indicazioni valide. Uno di questi è Sinovac, che conferma ottimi risultati sulle scimmie e da qui la somministrazione a 144 volontari a metà aprile. Per l’OMS per il vaccino ci potrebbero volere dai 12 ai 18 mesi.

Sinovac spera di poter dare i primi risultati per la fine di giugno, iniziando a stabilire già il primo concetto importante, che il vaccino non sia dannoso per l’uomo.

Il prossimo passo da fare è quello di verificare che il vaccino sia efficace: per fare questo bisogna avere a disposizione 3 portatori del virus, cosa che in Cina manca, e quindi i test bisogna farli all’estero, dove ci sono più casi. In questo momento si è in contatto con alcuni paesi europei e asiatici.

Il gruppo del signor Menga dichiara che sta lavorando giorno e notte affinchè si arrivi al vaccino quanto prima ed è pronto anche ad altre collaborazioni, anche straniere. La Cina ci tiene molto a trovare il vaccino, si sente accusata dalle persone per il fatto che la pandemia sia partita da lì.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp