Vademecum per presenza positivi Covid in classe: ecco le istruzioni dell’ISS

L’Istituto Superiore della Sanità ha diffuso un Vademecum per gestire la scoperta di un eventuale positivo al Covid-19. Nel documento diffuso, si riporta anche la necessità di dotare ogni Istituto Scolastico di un Referente Covid, una figura che nella compagine scolastica sarà incaricata di gestire eventuali casi sospetti di Covid-19. Monitorate anche le assenze di più alunni contemporaneamente.

Il Vademecum positivi Covid vuole essere un supporto operativo per la gestione di casi (o focolai) Covid nella compagine scolastica. A fronte di più scenari possibili, si riportano una serie di istruzioni operative per la ripresa delle attività scolastiche a settembre. E’ già stata prevista la necessità di aggiornare il documento in itinere, per far fronte ad ogni genere di evoluzione.

Vademecum positivi Covid: ecco le linee guida dell’ISS

L’Istituto Superiore della Sanità ha diffuso un Vademecum positivi Covid. Si tratta di ventiquattro pagine colme di raccomandazioni per gestire l’emergenza in aula. Il documento riporta il seguente titolo: “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi per l’infanzia”. Come può facilmente comprendersi, si tratta di istruzioni rivolte ad emergenze che possono riguardare sia gli alunni che tutto il personale scolastico. La procedura vede coinvolti anche pediatri, medici e dipartimento di Prevenzione.

Vademecum positivi Covid: ecco alcune prescrizioni

Il Vademecum positivi Covid si apre con una prima sezione dedicata a tutti i comportamenti preparatori per le scuole, come l’istituzione di un Referente Covid, le peculiarità necessarie per le scuole 0-6 anni e per gli studenti con maggiori fragilità. Una seconda sezione riguarda, invece, i possibili scenari. Tanto per fare un esempio, nel documento si riporta il caso in cui un alunno presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o un sintomo compatibile con COVID-19, in ambito scolastico.

Tra le prescrizioni del Vademecum positivi Covid : L’operatore scolastico deve avvisare il referente scolastico per COVID-19. Questi deve telefonare immediatamente ai genitori/tutore legale. E’ necessario poi Ospitare l’alunno in una stanza dedicata o in un’area di isolamento. I genitori devono contattare il PLS/MMG per la valutazione clinica (triage telefonico) del caso.  Il PLS/MMG, in caso di sospetto COVID-19, richiede tempestivamente il test diagnostico e lo comunica al DdP.  Il Dipartimento di prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico.  Il Dipartimento di prevenzione si attiva per l’approfondimento dell’indagine epidemiologica e le procedure conseguenti. E così via.

Le altre prescrizioni in caso di contagio:

Il Vademecum positivi Covid prosegue: Se il test è positivo, si notifica il caso e si avvia la ricerca dei contatti e le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella sua parte interessata. Per il rientro in comunità bisognerà attendere la guarigione clinica (cioè la totale assenza di sintomi). La conferma di avvenuta guarigione prevede l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore l’uno dall’altro. Se entrambi i tamponi risulteranno negativi la persona potrà definirsi guarita, altrimenti proseguirà l’isolamento.

Il referente scolastico COVID-19 deve fornire al Dipartimento di prevenzione l’elenco dei compagni di classe 10 nonché degli insegnanti del caso confermato che sono stati a contatto nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi. I contatti stretti individuati dal Dipartimento di Prevenzione con le consuete attività di contact tracing, saranno posti in quarantena per 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso confermato.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!