Verstappen: “Ferrari più lenta ora che ha smesso di barare”

Secondo Max Verstappen il calo delle prestazioni subito dalla Ferrari in USA è dovuto al fatto che la scuderia italiana ha smesso di barare

Max Verstappen trova assolutamente curioso che la Ferrari sia stata più lenta nei rettilinei del Gran Premio degli Stati Uniti rispetto ai precedenti Gran Premi. Secondo l’olandese, ciò è dovuto al fatto che la Scuderia del cavallino rampante “ha smesso di barare”. Dopo una serie di sei pole position e sei gare con un pilota Ferrari sul podio dopo la pausa estiva, il team italiano non è stato protagonista negli Stati Uniti. Sebastian Vettel è uscito presto con una sospensione della ruota posteriore rotta, mentre Charles Leclerc non è stato in grado di seguire il ritmo dei piloti davanti per tutta la gara e alla fine è arrivato quarto.

Secondo Max Verstappen il calo della Ferrari in USA è dovuto al fatto che “ha smesso di barare”

All’inizio di questo fine settimana è stato annunciato che la FIA aveva emesso una direttiva tecnica sulla fornitura di carburante. Red Bull Racing sospettava che la Ferrari avesse un forte vantaggio da questo punto di vista e Verstappen non è sorpreso che le cose non siano andate bene per il team negli Stati Uniti. “Ovviamente diventa più difficile se devi smettere di imbrogliare”, ha detto a Ziggo Sport. Dopo la gara, Verstappen ha rivelato di aver subito molti danni al pianale della sua auto. Secondo il pilota olandese senza questo problema molto probabilmente sarebbe riuscito a superare Lewis Hamilton. 

Charles Leclerc ha immediatamente risposto al pilota olandese dicendo che non sa di cosa parla. Adesso si aspetta anche la risposta ufficiale della Ferrari che già nei giorni scorsi aveva fatto sapere attraverso Mattia Binotto di non apprezzare le accuse lanciate dai rivali per i suoi improvvisi miglioramenti nella seconda parte di stagione.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Leclerc commette gli stessi errori di Verstappen secondo Ecclestone

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest