Vettel avverte la Formula 1 che va nella “direzione sbagliata”

Il pilota della Ferrari Sebastian Vettel contro le nuove regole di Formula 1: “auto più lente e pesanti sono la”direzione sbagliata”

Sebastian Vettel ha avvertito giovedì che la Formula 1 sta andando nella “direzione sbagliata” tornando alle auto più pesanti e più lente, come svelato nel lancio dei suoi nuovi regolamenti per il 2021 e oltre. Si prevede che i tempi sul giro per le nuove auto proposte saranno in media più di tre secondi superiori a quelli di questa stagione. Si tratterà insomma di un passo indietro nel passato. “Le auto sono più spettacolari ora, e lo sono dal 2017. Prima di allora, penso che andavano piuttosto lentamente. Ora, sappiamo cosa possono fare queste auto. È più eccitante”, ha detto riferendosi all’introduzione delle attuali monoposto di Formula 1. 

Vettel contro le nuove regole di Formula 1: “auto più lente e pesanti sono la”direzione sbagliata”

Vettel ha dichiarato che non è stato sbagliato cercare di rendere le auto ancora più veloci. “La direzione sbagliata, dal mio punto di vista, è che le macchine sono così pesanti, cosa ovviamente legata ad alcune delle misure di sicurezza, ma penso che tutti lo accettino.” Nel 2017, le auto revisionate sono state progettate per cercare di ridurre significativamente i tempi sul giro e hanno avuto successo, tagliando fino a 5,5 secondi da un giro sul Circuito de Catalunya di Barcellona e 2,3 secondi altrove.

Insomma il pilota tedesco della Ferrari non sembra gradire particolarmente le novità introdotte dalla FIA e da Liberty Media per rendere la Formula 1 più spettacolare ed equilibrata a partire dal 2021 con nuove auto più lente e più facili da sorpassare. Vedremo nel 2021 se avrà avuto ragione il quattro vole campione del mondo o gli strateghi di Liberty Media con in testa il direttore sportivo della Formula 1 Ross Brawn. 

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Austin dovrebbe essere un buon circuito per la Ferrari secondo Vettel

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest