Festa del Pane a Genzano di Roma: trentunesima edizione

-
22/09/2019

Due giorni dedicati al simbolo per eccellenza della città, amato già dal 1800 dai romani e da tutto il Lazio,il pane veniva lavorato dalle famiglie contadine e poi cotto nelle “socce”i forni a legna

Festa del Pane a Genzano di Roma: trentunesima edizione

Si rinnova l’annuale appuntamento, nel cuore della cittadina dei Castelli Romani, della tradizionale festa del Pane Casareccio di Genzano. Due giorni dedicati al simbolo per eccellenza della città, amato già dal 1800 dai romani e da tutto il Lazio,il pane veniva lavorato dalle famiglie contadine e poi cotto nelle “socce”i forni a legna. In concomitanza con la festa del Santo patrono San Tommaso da Villanova, è una manifestazione organizzata dal Comune di Genzano di Roma e dal Consorzio del Pane Casareccio IGP, il Festival Cerealia e le associazioni dei Commercianti.

Festa del pane a Genzano

Passeggiando per le vie si potrà respirare il profumo del pane appena sfornato, impastato con il lievito madre e farine di cereali di altissima qualità, con la sua inconfondibile crosta scura cosparsa di cruschello di frumento, creato dalle mani esperte dei mastri fornai, un lavoro tramandato di generazione in generazione.

Come ogni anno per questa occasione si celebra anche l’arte dei maestri infioratori, che oltre ad occuparsi della realizzazione della storica Infiorata, un altro simbolo storico-religioso della cittadina, potete ammirare la creazioni di quadri raffiguranti il mondo e la storia del pane, usando dei materiali del tutto naturali, come ad esempio il vinacciolo, il mais intero, fino, spezzato, corteccia di pino tritata, soia di vario tipo, grano, caffè, seme di uva, scorze di pino, peperoncino tritato, fiocchi d’avena, salvia, origano, riso spezzato, riso fino, bucce di pinolo, ecc.
in questi fine settimana il comune promuoverà anche delle attività per glorificare il patrimonio artistico culturale di Genzano, ci saranno visite guidate all’interno del borgo antico, ai forni storici, al Palazzo Sforza Cesarini, residenza estiva della famiglia Cesarini e poi Sforza Cesarini, signori di Genzano dal 1564, la visita nel suo suggestivo parco che si affaccia sul lago di Nemi, luogo amato già dagli antichi romani costruendo persino un tempio dedicato alla dea Diana.


Leggi anche: Pensione di reversibilità e convivenza: indispensabile l’unione civile

Troveremo anche mostre e mercatini dedicati ai prodotti tipici di zona e laboratori per i più piccini con attività didattico-sensoriali.