Vacanze di Pasqua: fermate quattro auto che da Napoli andavano nel Cilento

-
11/04/2020

Vacanze di Pasqua: quattro famiglie fermate mentre si dirigevano da Napoli a Marina di Camerota.

Vacanze di Pasqua: fermate quattro auto che da Napoli andavano nel Cilento

Purtroppo la Pasqua non ferma quei pochi villeggianti scellerati che decidono di fregarsene dei divieti e mettersi in viaggio, ma grazie ai controlli della Polizia Stradale è andata male a quattro famiglie campane.

Il Coronavirus non ferma alcuni villeggianti scellerati

Quattro famiglie sono state intercettate mentre si stavano dirigendo verso le seconde case, partendo da Napoli per arrivare a Marina di Camerota, nel Cilento. Sono stati fermati, multati e rimandati indietro, per fare rientro nei propri comuni di appartenenza.

Per cercare di aggirare i divieti le famiglie avevano curato i minimi dettagli, ma a tutti e quattro è andata male. La partenza era stata effettuata con quattro auto diverse, cariche di tutto: alimentari, bici e valigie. Hanno pensato di partire in quattro orari diversi, ma sono state bloccate tutte e quattro in posti diversi e ad orari diversi dalle forze dell’ordine.

Ai trasgressori è stata comminata una multa di varie centinaia di euro e il ritorno forzato alle proprie abitazioni.

In Campania sono state emanate diverse ordinanze speciali per cercare di limitarne gli accessi, in particolare nelle zone più ambite. Anche per quanto riguarda le isole i controlli saranno abbastanza rigidi: chi non avrà una valida autorizzazione sarà immediatamente reimbarcato.

I comuni di Capaccio Scalo e Paestum hanno pensato bene di istituire turni di 24 ore della Polizia Municipale per chiudere tutte le vie di accesso ai paesi. Agropoli, Casal Velino e Castellabate sono praticamente blindate. Tutto questo, purtroppo, si è reso necessario, in quanto non tutti i cittadini hanno buon senso.

Sono giorni in cui si è, purtroppo, chiamati a restare in casa per questo maledetto virus che sta colpendo tutto il mondo; se non stiamo in casa adesso e si continua a diffondere il contagio non ne usciremo mai, o almeno non per l’estate. E allora cosa ci conviene di fare: stare in casa per quest’altro mese e poi andare tutti in vacanza o stare tutti a casa fino a settembre o oltre? Riflettiamoci.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa