Vietato fumare all’aperto: ecco dove scatta il primo divieto

Il rpimo divieto di fumo allìaperto scatterà a breve a Milano dove sarà vietato fumare, per ora, alle fermate degli autobus, anche se si punta, entro il 2030 a vietare ovunque il fumo.

Per ora si tratta soltanto di un’ordinanza che, però, potrebbe diventare nel 2030 ad un divieto generale nella citta di Milano. L’ordinanza del sindaco Sala di Milano prevede che è vietato fumare nelle zone delle fermate dei mezzi di trasporto pubblici. Non si potrà, a breve, più fumare mentre si aspetta l’autobus.

Divieto di fumo all’aperto

Il Comune di Milano intende, entro il 2030 estendere il divieto di fumo all’aperto , in tutti i luoghi pubblici. La cosa brutta è che seppur iniziativa del Comune di Milano potrebbe essere seguita da molte altre città. A quel punto, quindi, sarà consentito fumare solo nella abitazioni private.

A breve, quindi, il Comune di Milano vieterà di fumare alle fermate dell’autobus.

Il sindaco di Milano, orgoglioso dells au iniziativa spiega che entro il 2030 a Milano non sarà più permesso fumare all’aperto. Al momento, afferma il sindaco, l’ordinanza porterà il divieto di fumo solo alle fermate degli autobus e mentre si fa la coda per i servizi pubblici (dove dovrebbe già essere vietato, in ogni caso).

Giuseppe Sala, il sindaco in questione,  spiega ai giornalisti che la visione della giunta comunule è quella di portare il divieto a tutto lo spazio aperto della città anche  se prima di diventare operativa la cosa dovrà passare per il Consiglio Comunale facendo rientrare la cosa nel regolamento aria-clima. Per quel che riguarda il divieto alle fermate degli autobus, invece, basterà un’ordinanza comunale.

Una volta approvato il provvedimento, se verrà approvato, si dovrà provvedere alla regolamentazione dello stesso. Il sindaco fa notare che è sbagliato ridurre il discorso aria-clima soltanto al traffico e al riscaldamento sostenendo che incidono anche il fumo delle sigarette, gli ambulanti che lasciano i motori accesi, le pizzerie ecc…

Secondo il sindaco di Milano, quindi, tutti devono fare la loro parte per poter migliorare il discorso dell’aria. Vedremo cosa ne esce e quante saranno le città che prenderanno Milano come esempio.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.