Virus cinese: ma quanto dobbiamo essere veramente preoccupati?

Virus cinese: ma quanto dobbiamo essere davvero preoccupati.

In Cina, precisamente nella città di Wuhan, c’è un virus misterioso che sta causando grave malattie polmonari che ha colpito una cinquantina di persone, sette di queste sono in gravi condizioni, tutto il mondo ne è preoccupato.

Andiamo a vedere questo virus è veramente pericoloso e perché dobbiamo essere preoccupati

Questo allarme sta preoccupando la Cina ma anche il mondo intero, sono stati fatti i relativi rilievi medici ai pazienti infettati e hanno confermato che l’infezione è un coronavirus, una crisi respiratoria di questo virus acuta grave può arrivare fino ad uccidere.

Questo virus come gravità si va a posizionare in mezzo tra un semplice raffreddore fino ad arrivare alla morte. L’origine di questo virus quasi sempre è di origine animale, una volta individuata l’origine combatterlo diventa più semplice.

In questa occasione il collegamento è stato fatto con il mercato dei frutti di mare che si trovano nella Cina Meridionale. Non solo il mercato ittico può essere coinvolto in questi virus, anche animali selvatici possono interessare questo tipo di virus, ad esempio pipistrelli, serpenti, conigli e polli.

In Cina questi episodi possono essere più frequenti in quanto la popolazione ha un’alta densità di presenza e anche con un alta incidenza di contatto ravvicinato con gli animali.

La cosa che conforta un poco di questo virus, è che non sembrerebbe mischiarsi tra umano e umano, poiché parliamo di polmoni, tosse e starnuti potrebbero essere motivo di contagio quando parliamo di virus. La testimonianza di questo è che fino ad oggi nessun operatore sanitario, a contatto con i malati, è stato contagiato.

La preoccupazione a questo virus è che si è avuto proprio nel periodo di Natale e per questo il fenomeno non si fermi solo alla Cina, ma causa il forte periodo di turismo, si possa diffondere in tutto il mondo.

Gli esperti non si sanno pronunciare se essere molto preoccupati in quanto ancora non sanno bene cosa sia la causa e per questo preferiscono andare molto cauti prima di dare notizie al caso.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp