Visita medica: attestazione da presentare al datore di lavoro

Assenza per visita medica, deve essere giustificata, pena la decurtazione delle ore: ecco il modulo da presentare al datore di lavoro.

L’assenza dal lavoro per visita medica, prestazione specialistiche, esami diagnostiche e terapie, deve essere giustificata dal dipendente con un’attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura che riporti gli orari della prestazione. Se non giustificate alle assenze vengono applicate le decurtazioni di cui all’art 71 del D.lgs. 112/2008 convertito in L. 113/2008.

Autocertificazione da presentare al datore di lavoro per visita medica

Un lettore ci pone la seguente domanda: Cortesemente l’attestazione per visita medica, come deve essere scaricata in ufficio come malattia, art.40, (ex art 21), grazie

Risposta: Nel caso il certificato della struttura non riporti l’orario della prestazione, il dipendente può presentare un’autocertificazione che poi sarà sottoposta a verifica da parte del datore di lavoro.

È possibile scaricare qui l’autocertificazione: Modulo autocertificazione per assenza visita medica, esami e prestazioni specialistiche (pdf)


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”