Visite mediche, esami e terapie: assenze retribuite per il personale ATA

Come giustificare l’assenza dal lavoro per visite mediche specialistiche o cicli di terapie? Quando il permesso diventa malattia? Le novità previste dal CCNL.

Il personale ATA ai sensi dell’articolo 33 CCNL del 19.04.2018, ha diritto a usufruire di permessi per visite mediche consistenti in terapie, prestazioni mediche specialistiche ed esami diagnostici e così via. Precisiamo che il personale ATA potrà fruire delle visite mediche attraverso l’uso di  giorni di permessi, oppure, quantificabili in ore, per totale complessivo di 18 ore calcolate nel periodo corrispondente all’anno scolastico. In sostanza, i permessi per visite mediche seguono il regime delle assenze per malattie, e non portano in diminuzione lo stipendio. Inoltre, il personale ATA può richiedere che i permessi per visite mediche orari corrispondano al periodo equivalente a una giornata lavorativa.

Visite mediche personale ATA: la domanda al dirigente scolastico

Il personale ATA per poter usufruire dei permessi per visite mediche, deve inoltrare un’istanza al dirigente scolastico, almeno tre giorni prima della fruizione del permesso. Tuttavia, nei casi particolarmente urgenti o rilevanti sul profilo personale, è ammesso un preavviso con una tempistica di 24 ore prima del godimento dei permessi. Il preavviso con urgenza “lampo” viene concesso solo per motivi del tutto “eccezionali”.

In che modo il personale Ata legittima l’assenza? I permessi per visite mediche devono essere supportati da un’attestazione stilata dal medico, oppure dalla struttura che ha operato la prestazione medica. La prova che giustifica l’assenza nelle ore lavorative dovrà essere trasmessa all’amministrazione scolastica anche attraverso l’uso dei canali telematici.

Visite mediche personale ATA: incapacità lavorativa temporanea

Nel caso in cui la visita medica specialistica dovrebbe evidenziare una patologia d’incapacità lavorativa con il supporto di terapie, oppure, esami diagnostici particolari, al dipendente ATA spetta l’assenza di malattia e di conseguenza scatta il regime economico, legale e contrattuale previsto nei casi di malattia.

Visite mediche personale ATA: certificazione dei controlli periodici

In presenza di un’incapacità lavorativa temporanea da parte del personale ATA, che conduca in controlli periodici per un determinato periodo di tempo, nonché per terapie continue l’assenza dal lavoro deve essere supportata da un’unica certificazione da presentare all’amministrazione scolastica prima del calendario della terapia. Il medico curante dovrà redigere un documento in cui asserisce che il lavoratore abbisogna di cicli continui di trattamenti sanitari derivanti dall’insorgere dell’incapacità lavorativa.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein