Vitamina B3, I cibi che la contengono e a che cosa serve

La vitamina B3 viene anche chiamata vitamina PP o niacina, la vitamina B3 è annoverata nella categoria delle vitamine idrosulubili.

La vitamina B3 viene anche chiamata vitamina PP o niacina, la vitamina B3 è annoverata nella categoria delle vitamine idrosulubili. Gli esperti affermano che la vitamina B3 non viene sintetizzata dall’organismo umano, ma deve essere assunta tramite l’alimentazione. La vitamina B3 ricopre molte funzioni molto importanti per la salute del nostro corpo. Funzione importante è il controllo della respirazione cellulare, così come quello del metabolismo dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine. Ottima la funzione della vitamina B3 per il funzionamento del sistema nervoso.

Vediamo quali sono gli alimenti che contengono la vitamina B3 e la sua funzione

1)Le arachidi: la loro caratteristica è che sono caratterizzate dalla presenza di 14 mg di niacina per ogni etto di prodotto edibile.

2)La crusca di frumento: il suo contenuto è di quasi 30 mg di niacina per ogni 100 grammi di prodotto edibile.

3)I muesli: ideali per una colazione completa e salutare, si parla di 7 mg di vitamina PP ogni etto di prodotto.

4)Orzo perlato: contraddistinto da 3,10 mg di niacina ogni 100 grammi di prodotto.

5)Fette biscottate: sono contraddistinte dalla presenza di quasi 3 mg di niacina ogni 100 grammi.

Il fabbisogno di vitamina B3 varia a seconda del sesso, per le donne si parla di 14 mg al giorno, per gli uomini a 18 mg. Per chi è carente di vitamina B3, si possono avere dei  sintomi negativi e delle  sofferenze, tra cui mal di testa, nausea e irritabilità, e da non sottovalutare una generale perdita di tono muscolare. È bene sapere che esistono casi in cui l’integrazione di vitamina PP risultano particolarmente rilevanti. Tra questi gli anziani e i soggetti che devono guarire da ustioni di alto livello e ampia estensione.

L’apporto di vitamina B3, è molto importante per chi pratica sport a livello professionale, la niacina è essenziale per la trasformazione dei nutrienti in energia. Importante è non esagerare, in caso di eccesso si rischia l’effetto ipolipidemico, ossia l’eccessivo utilizzo di glicogeno da parte del Muscolo e il conseguente insorgere di un forte affaticamento.

Medicinale per carenza di Vitamina B1 ritirato volontariamente dalle farmacie: ecco marca e lotto


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp