Vittima dei bulli a scuola perché gay, bambino di 9 anni si toglie la vita

Bambino di 9 anni si toglie la vita, era vittima del bullismo a scuola.

Un altro episodio di bullismo, questa volta la vittima a scuola è un ragazzino di 9 anni. Si era confessato con i suoi compagni, dicendo loro di essere gay.

Ecco come sono andati i fatti

Denver, in Colorado: Jamel Myles, un bambino di 9 anni, svela il suo grande segreto alla mamma Leia Pierce, e,  orgoglioso di questo confessa che avrebbe detto anche ai suoi compagni a scuola.

Ma le cose non sono andate proprio come Jamel immaginava. Il bambino, deluso della reazione dei suoi compagni, parla con la sorella e le dice che i suoi amichetti a scuola avrebbero detto che doveva uccidersi. Disperazione totale per la mamma del piccolo Jamel, e dice che suo figlio poteva tranquillamente riferire a lei quello che accadeva a scuola. Incredula del fatto che Jamel avrebbe optato di uccidersi esattamente cosi come quei bulli a scuola gli suggerivano, invece di parlare prima con la madre.

Bambina disabile vittima di bullismo alle scuole elementari, ecco cosa succedeva

Il medico legale che ha eseguito l’autopsia, conferma che il piccolo Jamel ha compito un gesto di suicidio, ma la polizia sta indagando, ma non conferma che il bullismo sia stata la causa della morte del bambino.

Vittima del bullismo a scuola si toglie la vita a 9 anniEcco cosa dicono le autorità scolastiche:

‘’ La nostra priorità ora è valutare tutte le preoccupazioni emerse in questo caso, mantenere sicuri i nostri studenti e fare un esame corretto e accurato dei fatti legati a questa tragica perdita’’.

17 enne vittima di bullismo, pestato e umiliato dai compagni di classe

Joe Shoemaker Elementary School, ha mandato una lettera alle famiglie di tutti gli alluni della scuola, mettendo a completa disposizione eventuali consulenti e assistenti se dovessero servire per riuscire a superare questo tragico episodio. Inoltre, si spera che non succeda più questi episodi di bullismo, e drammi del genere si possono tranquillamente evitare, bisogna solo chiedere aiuto alle autorità competenti.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.