Vittoriale Di Gabriele D’Annunzio: il Laghetto delle Danze

Un luogo straordinario che fonde la bellezza della natura con l’architettura voluta da Gabriele D’Annunzio.

Il Vittoriale, più che la casa di Gabriele D’Annunzio è una sorta di mausoleo in cui lo scrittore raccolse una serie di oggetti tra i più stravaganti. Anche se l’interno dell’abitazione lascia senza fiato, il suo esterno non è da meno e questa foto mostra il laghetto delle danze, un laghetto a forma di violino in cui confluiscono i due fiumi che scorrono dalla Nave Puglia, il rivo dell’Acqua Pazza e il rivo dell’Acqua Savia, per creare, appunto il laghetto delle danze ideato in ricordo di Gasparo Salò, l’inventore del violino.

Come tutti sanno D’Annunzio era un grande estimatore di tutte le arti, compresa la musica e creare questo laghetto sul fondo di una valle doveva creare un rincorrersi delle acque che suggerisse i movimenti liberi delle spettacolari danzatrici che avrebbero dovuto ballare al ritmo della musica del violino. Scendendo lungo il sentiero, molto ripido, che porta al laghetto, è uno spettacolo affascinante poichè è situato in un luogo dove la natura è ancora selvaggia e sensuale e si esprime ancora con estrema spontaneità. Il laghetto per molto tempo è stato chiuso e riaperto solo nel marzo 2013 in occasione dei 150 anni dalla nascita di D’Annunzio.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.