WhatsApp: si può condividere lo Stato con Facebook, Instagram e Google Foto

Sull’applicazione beta di WhatsApp, è possibile condividere lo Stato su tre applicazioni, vediamo quali sono: Facebook, Instagram e Google Foto

Oggi, sull’applicazione beta di WhatsApp, è possibile condividere lo Stato su tre applicazioni, vediamo quali sono: Facebook, Instagram e Google Foto. Per chi è iscritto al programma beta di WhatsApp possono usare una nuova funzionalità dell’applicazione della messaggistica istantanea.

Lo stato di WhatsApp: si può condividere

Gli Stati sono su WhatsApp quello che sono le Storie su Instagram e su Facebook, contenuti dopo che sono stati a vista 24 ore spariscono. La condivisione degli Stati di WhatsApp sugli altri social, avviene tramite le normali API, di condivisione dei sistemi operativi mobile iOS e Android, e di conseguenza è possibile condividere gli Stati anche su Gmail e Google Foto.

Secondo Facebook, non ci sarà alcun collegamento tra lo Stato pubblicato su WhatsApp è quello pubblicato altrove. Nessuna condivisione delle interazioni degli utenti, nessun dato che va e viene tra le varie app e non è possibile impostare la condivisione automatica dello Stato su altre piattaforme, questo perché Facebook deve stare molto attenta a non condividere i dati raccolti tra le sue applicazioni.

Questo perchè nel 2017, l’Unione Europea multò Facebook, perchè quando acquistò WhatsApp nel 2014 giurò che non avrebbe mai fuso i profili, ma nel 2016 invece, ha modificato i termini del servizio e ha collegato i numeri di telefono degli utenti dei due servizi.

Preoccupazione dell’Antitrust

Un’altra grossa preoccupazione dell’Antitrust, è la possibile fusione delle tre app di messaggistica istantanea WhatsApp, Messenger e Instagram Direct. Facebook in merito ha sempre negato ogni intenzione di fondere i servizi, ma dopo aver visto già precedentemente cosa ha combinato, c’è preoccupazione. Comunque, Facebook lavora incessantemente per uniformare le sue applicazioni che, ormai hanno funzionalità assolutamente sovrapponibili.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest