Xiaomi e Huawei: quanta probabilità c’è che il topolino si mangi il gatto?

Xiaomi e Huawei in Europa: la Cina invade il nostro continente, spazzando via i concorrenti detentori della mid-range; ma se il topo si mangiasse il gatto?

Xiaomi, Huawei, Europa. I due colossi cinesi stanno ritagliando campo prezioso nel nostro continente, allontanando a calci marchi detentrici da anni della mid-range, quali Samsung e LG. Il punto di forza è facilmente intuibile: telefoni esteticamente belli e capaci abbattere la concorrenza in termini di prestazioni e aggiornamenti. Huawei ci ha messo decisamente più tempo per entrare nel nostro mercato, soprattutto per la poca nomina che aveva qui da noi e per i pregiudizi sul made in china. Iniziò a farsi spazio tra i dispositivi marchiati Vodafone, come l’economico, ma pur sempre famoso, Vodafone 845.

Xiaomi: cosi nuova, ma cosi esperta e nota

Xiaomi dalla sua è entrata in un periodo più florido per i Made in China, dove una bella fetta di utenti preferisce risparmiare con l’acquisto un telefono cinese, piuttosto che spendere capitali su smartphone che non li valgono quei soldi. D’altronde, mettendo a confronto i top di gamma Xiaomi e Huawei con un top di gamma Samsung o Apple, si capisce davvero quanto siano uguali a livello di prestazioni e costruttività.

Il punto è questo: può Xiaomi, arrivata da poco meno di due mesi, abbattere tutto quello che negli ultimi anni ha costruito Huawei? Ad oggi è difficile che ciò succeda, anche perchè tramite il marchio Honor l’azienda cinese sta riscuotendo un notevole successo. La fascia media è ricca di Huawei con i vari modelli P smart, P20 lite, P8 lite 2017 e il buon vecchio P10. Certo che Xiaomi ha il potenziale per farlo tra un paio d’anni, godendo già di un posto sicuro nelle maggiori catene di vendita di prodotti elettronici, quali Mediaworld ad esempio. I prodotti sono più economici rispetto ai Huawei e non deludono mai in quanto ad hardware. Forse non spazzerà il suo avversario letteralmente fuori dal mercato, ma per quanto mi riguarda lotteranno fianco a fianco per la conquista della mid-range.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest