Bonus cultura per i nati nel 2002: scadenza al 31/08, come si attiva e quanti soldi garantisce

-
23/08/2021

Con il bonus cultura chi compie 18 anni può beneficiare di un voucher da 500 euro garantito dallo Stato. È possibile acquistare libri, musica, visite nei musei e biglietti del cinema, ma l’ultima scadenza per le domande è tra pochi giorni.

Bonus cultura per i nati nel 2002: scadenza al 31/08, come si attiva e quanti soldi garantisce

Per richiedere il bonus cultura restano ancora a disposizione pochi giorni. La scadenza fissata dalla normativa è infatti fissata al prossimo 31 agosto 2021, mentre coloro che inoltreranno la domanda in tempo utile avranno la possibilità di spendere l’importo del voucher fino al prossimo 28 febbraio 2022. Il beneficio di legge rappresenta una possibilità importante per tutti i neo maggiorenni.

Infatti, il voucher può essere spesso non solo per l’acquisto di libri o dischi ma anche per spettacoli e visite guidate. Oltre a ciò, è possibile impiegare il bonus cultura per iscriversi a corsi di formazione, oltre che per acquistare abbonamenti a quotidiani e testate giornalistiche.

L’iniziativa è stata promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e a quello del Turismo. Insomma, il bacino di opzioni per l’impiego del voucher è molto ampio e rappresenta un’opportunità da non perdere, anche considerando che la possibilità di richiederlo resterà valida ancora per pochi giorni.


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

Bonus cultura 2021: ecco chi può beneficiarne e come richiederlo

I destinatari del bonus cultura coincidono con tutti i ragazzi nati nel 2002 e quindi che hanno compiuto il 18mo anno di età. Dal punto di vista pratico, per poter inviare la propria domanda di accesso al beneficio di legge è necessario scaricare l’app 18App. In alternativa, è possibile iscriversi al sito web 18app.italia.it. Entrambe le opzioni consentono di fare richiesta, ma prevedono la registrazione.

Per poterla eseguire bisogna risultare residenti in Italia. In alternativa è indispensabile avere un permesso di soggiorno in corso di validità. La registrazione prevede il riconoscimento della persona destinataria del buono tramite l’impiego dello Spid. Per chi dovesse avere necessità di un aiuto in fase di registrazione, è disponibile anche un numero verde raggiungibile all’800.991.199. Gli operatori rispondono da lunedì a venerdì (con esclusione dei festivi), dalle ore 9h15 fino alle 16h30.

Come funzionano i buoni spesa e quanti soldi garantiscono

Il beneficio economico garantito dal bonus cultura corrisponde a 500 euro. I buoni spesa erogati dallo Stato tramite questa iniziativa sono individuali e nominativi. Pertanto, non possono essere ceduti o rivenduti. Sono utilizzabili sia per l’acquisto effettuato attraverso negozi tradizionali, sia per i siti di e-commerce. I buoni sono inoltre spendibili per visite presso musei, parchi divertimento e monumenti storici.

Dal punto di vista pratico, è importante sottolineare che non esiste uno specifico tetto di spesa relativo all’acquisto effettuato tramite il buono. Un limite è però presente nel numero dei prodotti acquistati. Ad esempio, non sarà possibile comprare diverse volte la stessa copia di un libro o di un disco. L’importo speso viene di volta in volta scalato dal plafond, fino all’esaurimento di quest’ultimo.


Potrebbe interessarti: Regime forfettario 2022: cosa cambia, obbligatoria la fattura elettronica

Quali servizi è possibile acquistare con il bonus cultura

Per quanto riguarda i beni e servizi che è possibile acquistare tramite il bonus cultura, quest’ultimi variano notevolmente. Per elencarne alcuni, possiamo citare:

libri.
Audiolibri.
Abbonamenti a quotidiani (cartacei o digitali)
CD e DVD musicali.
Eventi TVOD.
Concerti, rassegne musicali.
Visite museali e manifestazioni culturali.
Parchi naturali e divertimento.

Non è invece possibile sottoscrivere abbonamenti a servizi premium. Sono quindi esclusi, a titolo di esempio, i servizi offerti da Netflix o Amazon Prime.

Gli aggiornamenti in arrivo con il Bonus Cultura 2021: ora è possibile anche compensare l’acquisto con pagamenti in contanti

Rispetto alle modalità di fruizione del bonus cultura disponibili in precedenza, nel corso del 2021 si aggiunge un importante dettaglio relativo al metodo di pagamento. Le nuove regole di applicazione prevedono infatti la possibilità di pagare in contanti o con un altro metodo di pagamento l’eventuale eccedenza rispetto alle 500 euro garantite dallo Stato. Si pensi, ad esempio, all’impiego del bonus per l’acquisto di un corso di formazione.

Per gli esercenti che desiderano aderire, la registrazione è consentita sul sito www.18app.italia.it fino al 31 agosto 2021. Anche in questo caso è necessario utilizzare le credenziali fornite dall’Agenzie delle Entrate oppure lo SPID. Infine, per quanto riguarda gli esercenti già iscritti, vale la registrazione effettuata per le precedenti edizioni. La prosecuzione delle attività equivale all’accettazione della normativa e delle Condizioni d’uso applicabili alla nuova edizione del bonus.