Assegno sociale, i redditi dei figli vanno considerati?

-
09/09/2019

Se il percettore di assegno sociale decidesse di andare a vivere con un figlio metterebbe a rischio l’erogazione della prestazione assistenziale?

Assegno sociale, i redditi dei figli vanno considerati?

L’assegno sociale (che dal 1996 ha sostituito la pensione sociale) è una prestazione economica erogata, solo dietro presentazione di apposita domanda, ai cittadini che versano in condizioni economiche disagiate e che possiedono un reddito al di sotto di quello stabilito dalla legge annualmente.

Assegno sociale 

Un nostro lettore preoccupato ci chiede:

Gent.ma Patrizia, le scrivo da Lodi.Premesso che sono coniugato ma separato legalmente da molti anni e vivo da solo.Per motivi di salute,vorrei andare a vivere presso mia figlia la quale lavora a tempo indeterminato e vive da sola.          Ho paura che facendo questo passo perché devo prendere la residenza ,potrei perdere il mio Assegno e quindi quel poco di indipendenza.La circolare inps 195 del 30/11/2015 dice che per le prestazioni a carattere assistenziali,il riconoscimento è subordinato all’importo dei redditi del titolare e in alcuni casi del coniuge e dei familiari componenti il nucleo reddituale rilevante laddove i loro redditi incidono sul diritto o sulla misura di tale prestazione.Alla luce di quanto esposto;Posso fare questo passo . Confido in una sua risposta è ringraziandola anticipatamente 

Assegno sociale e reddito

Come abbiamo anticipato, la prestazione è erogata soltanto ai cittadini in condizioni economiche disagiate e queste vengono aggiornate annualmente.

L’importo dell’assegno è di 458 euro mensili per 13 mensilità. Nel 2019 il limite di reddito per poterne fruire è di 5.954 per i cittadini soli e 11.908 euro annui per i coniugati.

Per l’attribuzione dell’assegno sociale vengono presi in considerazione i redditi del richiedente ed, eventualmente quelli del coniuge.

La misura, infatti, non fa cenno a redditi del nucleo familiare ma soltanto ai redditi di richiedente e coniuge.

Nel suo caso, quindi, andare a vivere con sua figlia e prendere la residenza presso di lei non metterebbe in alcun modo a rischio l’erogazione del suo assegno sociale poichè i redditi dei figli non sono da considerarsi nell’attribuzione della prestazione in oggetto.


Leggi anche: Fisco e cartelle esattoriali: dal 1° maggio 2021 in partenza 15 milioni di atti, riprendono anche i pignoramenti