Fattura elettronica: il giorno festivo non concede pausa, l’emissione sempre

-
16/05/2020

Fattura elettronica non ha pausa, lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate in un recente interpello.

Fattura elettronica: il giorno festivo non concede pausa, l’emissione sempre

La fattura elettronica non ha pausa nei giorni di riposo e anche nei giorni festivi può essere emessa, a chiarire il caso è stata l’Agenzia delle Entrate in un interpello il numero 129/E pubblicato il 13 maggio 2020. L’Agenzia ha chiarito che va sanzionata in quanto tardiva l’emissione delle fatture elettroniche o analogiche, effettuata nel primo giorno utile lavorativo successivo, quando il tempo originario cade in una festività o di sabato. 

Fattura elettronica: il giorno festivo non concede pausa

Per l’Agenzia delle Entrate quando il tempo originario cade di sabato o in un giorno festivo, non opera il differimento riconosciuto per gli adempimenti tributari, in quanto l’emissione della fattura e la trasmissione del costituisce un adempimento nei confronti della controparte contrattuale. 

Scontrino digitale: alcuni chiarimenti dell’AdD

L’Agenzia delle entrate nell’interpello del 21 febbraio numero 3/E chiarisce che la fattura elettronica immediata può essere una valida scappatoia allo scontrino digitale. 

L’Ente, conferma che tramite il registratore di cassa telematico bisogna memorizzare elettronicamente e trasmettere in via telematica i corrispettivi con l’apposita procedura online predisposta dall’AdE. Tale procedura non riguarda il contribuente, anche se non obbligato, che provvede  ad inviare telematicamente le fatture di tutte le operazione eseguite.


Leggi anche: Pensioni anticipate, quota 102 e 41: proposta e calcolo, novità sulla riforma e possibili scenari

Nuovi codici obbligatori dal 1° ottobre 2020

L’Agenzia delle Entrate ha approvato un provvedimento il 28 febbraio che stabilisce due nuovi codici da utilizzare nella fattura elettronica, in modo facoltativo dal 4 maggio 2020  obbligatorio dal 1° ottobre 2020. I nuovi codici servono a differenziare le fatture emesse immediate da quelle differite. Questo comporta un vantaggio di rilevamento da parte del Fisco e per gli operatori di poter elaborare in automatico il documento e selezionarlo immediatamente.

I due codici previsti dall’Agenzia per identificazione dalla fattura differita, sono: