Assicurazione Auto verso stangata con aumenti sopra il 10%

-
07/10/2021

L’assicurazione auto potrebbe subire una stangata, con aumenti superiori al 10%. L’analisi degli esperti di settore prevede aumenti fino a 40 euro per polizza

Assicurazione Auto verso stangata con aumenti sopra il 10%

Le analisi di settore sull’assicurazione auto prevedono una possibile stangata in arrivo con i prossimi rinnovi delle polizze. Una condizione che rischia di andare a colpire gli automobilisti quando questi risultano già provati dai repentini rincari dei prezzi di carburanti.

Non è un momento semplice per coloro che sono costretti a muoversi con il proprio mezzo privato, anche considerando che il ricorso ai trasporti pubblici è rallentato dalle inevitabili esigenze di contenimento della pandemia. I dati in arrivo dagli ultimi report e studi relativi al comparto indicano infatti che la situazione di relativo contingentamento dei costi assicurativi potrebbe presto variare.

I nuovi rialzi dovrebbero portare a recuperare in pieno le riduzioni dettate dalle compagnie assicurative per via dei lockdown. D’altra parte, il dato generale sull’aumento delle tariffe e sui maggiori costi applicati indicano complessivamente l’applicazione di maggiorazioni per circa 1,4 miliardi di euro.

Le indicazioni sulla nuova stangata fornite dal sito Facile.it

A fare il punto della situazione in merito ai prossimi rincari delle assicurazioni auto è stato il portale Facile.it. Un team interno ha stimato la percentuale di aumento dei premi pagati dagli automobilisti, indicando un trend dei prezzi in crescita superiore al 10%. Le tariffe dovrebbero variare già all’interno del primo trimestre del 2022.


Leggi anche: Smart working per statali: ipotesi anche dall’estero

Per ogni polizza, la spesa maggiore potrebbe essere indicata mediamente attorno alle 40 euro. Si tratta di un effetto indiretto della ripresa economica, ma anche dei già citati limiti dovuti alla pandemia.

Tra i limiti del servizio di trasporto pubblico e la preferenza degli italiani per gli spostamenti autonomi la circolazione delle auto è fortemente aumentata negli ultimi mesi. E con questa, anche il rischio di sinistri e incidenti. Un fenomeno che inevitabilmente va a gravare sulle tariffe applicate alle polizze.

Il riscontro delle compagnie assicurative: aumentano i sinistri

Per confermare il quadro appena evidenziato basta osservare i dati resi pubblici relativi al numero dei sinistri avvenuti nel 2020-21. Negli ultimi tre mesi del 2020 la frequenza degli incidenti è scesa al 4% (-31% su base annua), riducendosi fino al 3,7% nel secondo trimestre del 2021.

Ma già nel secondo trimestre dell’anno in corso c’è stato un vero e proprio balzo dei sinistri, cresciuti al 4,2%. Di fatto, da marzo a giugno 2021 si è verificata una crescita del 23% degli incidenti, se si effettua il paragone anno su anno. Oltre a ciò, si tratta dell’incremento maggiore mai registrato negli ultimi 18 mesi.


Potrebbe interessarti: Nuovo digitale terrestre: cosa cambia su bonus, frequenze e canali TV

Assicurazione Auto: nel corso del 2022 è probabile un adeguamento delle tariffe assicurative

Stante i dati riportati, appare chiaro quanto inevitabile che il prossimo anno sarà caratterizzato da un aumento delle tariffe e quindi dei premi assicurativo. I dati relativi ai sinistri non lasciano scampo e saranno certamente presi come riferimento per il calcolo delle nuove assicurazioni auto emesse nel 2022. La correlazione tra incidenti e tariffe è infatti un punto chiave nel sistema di calcolo del rischio delle compagnie.

Ovviamente quest’ultima non trova applicazione da un giorno all’altro, ma le tariffe devono necessariamente adeguarsi alla sinistrosità per garantire la solidità della compagnia. Gli effetti di questo processo dovrebbero quindi vedersi già nella prima parte del prossimo anno. Dopo gli aumenti delle bollette di luce e gas, sembra purtroppo arrivato il momento dei premi assicurativi.