Bonus occhiali 2023, al via la piattaforma online: ISEE, Ministero, domanda

Autore:
Valentina Simonetti
18/02/2023

Bonus occhiali 2023, al via la piattaforma online: ISEE, Ministero, domanda

Il bonus occhiali potrà essere richiesto anche nel 2023. Grazie al “Fondo per la tutela della vista” le famiglie con reddito basso, potranno accedere al portale per fare domanda e ricevere un importo come rimborso o un voucher da spendere nei negozi di ottica, per l’acquisto di occhiali e lenti correttive. La piattaforma del Ministero della Salute sta per essere pubblicata ufficialmente. Vediamo quindi come funziona, quali sono i requisiti e come fare richiesta online.

Bonus occhiali 2023: cosa prevede e scadenza 2023

Il bonus occhiali da vista è stato istituito dal governo nel 2021, e prevede il rimborso di una quota di 50 euro, da utilizzare per l’acquisto di lenti correttive con montatura o lenti a contatto. L’importo viene riconosciuto sotto forma di voucher da spendere nei negozi o come rimborso sugli acquisti effettuati dal 2021 al 2023.

Bisogna tenere conto che non tutti gli esercenti potrebbero aderire all’iniziativa, quindi la prima cosa da fare prima dell’acquisto è quella di andare a controllare sul sito ufficiale del Ministero della salute, quali sono le ottiche nelle quali è spendibile o utilizzabile questo bonus.

Inoltre sarà obbligatorio avere le credenziali Spid, Cie o Cns, per accedere al portale nel quale andare a fare la domanda. Il rimborso scade nell’anno 2023, se non prorogato dunque potrà essere utilizzato fino al 31 dicembre di quest’anno.


Leggi anche: Rottamazione 2023, pignoramento sospeso con domanda adesione: come funziona e che succede

Bonus occhiali: requisiti e ISEE

Per richiedere il bonus occhiali da vista è necessario avere un ISEE attestato da INPS nel 2023, che sia inferiore a 10.000 euro. Può essere utilizzata la certificazione ordinaria o quella corrente.  Lo scontrino, nel caso di richiesta di rimborso dovrà riportare il codice fiscale del beneficiario del bonus o quello del minorenne se a richiederlo è un genitore.

Chi acquista dovrà presentare la propria tessera sanitaria, al fine di inviare correttamente le informazioni al fisco che poi dovrà riconoscere l’importo al rivenditore.

Vediamo come si fa a fare la domanda per il bonus vista. I fondi sono limitati quindi l’ordine di assegnazione sarà fatto in base alla data di richiesta. Chi arriva prima ovviamente avrà più possibilità di ottenere il voucher da 50 euro.

Pronta la piattaforma del Ministero per il bonus occhiali: come fare domanda

Il Ministero della Salute ha annunciato la prossima apertura online della piattaforma dedicata al bonus occhiali.  Sarà un portale online nel quale entrare tramite identità digitale, e registrarsi per fare domanda di accredito dell’importo o dello sconto per l’acquisto effettuato tra il 1 gennaio 2021 ed il 31 dicembre 2023.

In caso di richiesta voucher, per avere i 50 euro direttamente come sconto all’acquisto, bisogna fare attenzione alla data. Infatti il bonus potrà essere speso solo entro 30 giorni a partire dalla data di assegnazione.

Nella domanda non bisognerà allegare l’ISEE, ma basterà l’autocertificazione nel caso sia presente già un’attestazione valida su archivio INPS. E come abbiamo detto, è importante anche controllare l’elenco dei negozi che accettano questo tipo di sconto. I rivenditori interessati infatti dovranno registrarsi e dichiarare la propria disponibilità sulla piattaforma dedicata al “fondo per la tutela della vista“.

Dalla pubblicazione del decreto legge in gazzetta ufficiale, il governo aveva a disposizione 60 giorni per l’apertura delle richieste. La piattaforma ministeriale quindi doveva essere già stata resa disponibile dal 15 febbraio.

Cosa si può comprare con il Bonus Occhiali

Il Ministero della salute aveva annunciato il bonus vista o bonus occhiali già nel 2021, quando molte persone avevano rinunciato a spese extra, a causa delle difficoltà economiche causate dalla pandemia. Quindi il rimborso su IBAN, come abbiamo detto potrà essere sfruttato anche per gli acquisti già fatti in passato. Come invece si potrà anche presentare il voucher e godere di una riduzione sul prezzo direttamente alla cassa mostrando il QR code scaricato dal sito una volta che la domanda viene approvata.


Potrebbe interessarti: Case Green UE, in che classe energica è il tuo immobile? Cos’è e come calcolarla

Questo sconto non riguarda solo le lenti correttive applicate ad una montatura, ma anche le lenti a contatto. Ovviamente, come specificato anche dal decreto legge, il bonus non è valido per gli acquisti di occhiali da sole.